Abbuffatevi… di libri!

Alcuni libri vanno mangiati, altri inghiottiti, pochi masticati e digeriti. Il pensiero che il filosofo inglese Francis Bacon formulò cinque secoli fa sembra essere più attuale che mai.
Quale miglior occasione, se non il Maggio dei Libri, per presentare questa originale serie di fotografie il cui tema principale è proprio quello della celebrazione e l’invito a cibarsi di libri e di cultura?
La volontà di invitare lo spettatore alla lettura si manifesta esplicitamente attraverso una riproposizione originale e quanto meno inusuale di alcune tra le più celebri scene del mondo dell’arte e della cinematografia.
Ed ecco allora lo Stregone di Magritte, dietro una tavola scarna, imbandita solo da libri, in procinto di assaporare tutto quello che viene offerto dal menù letterario del giorno. La simbolica voracità con cui il personaggio magrittiano afferra il suo companatico è qui sostituito da una straordinaria bizzarria mista a superba vanità.
L’invito a sfamarsi di lettura attraversa l’indimenticabile sguardo di Ferdinando Mericoni – alias Alberto Sordi – impresso nella memoria popolare come un amabile ingenuotto che rincorre il sogno americano, abbandonato, senza indugio, davanti ad un invitante piatto di maccaroni, e del paradossale Pranzo di Giuseppe Paviglianiti, omaggio del giovane fotografo nei confronti dei due tra i più grotteschi e dissacranti registi del panorama italiano contemporaneo, ossia Daniele Ciprì e Franco Maresco.
Arte, cinema, cibo e letteratura: virtù che da sempre hanno racchiuso in sé quella straordinaria capacità di arricchire l’animo umano, si incontrano congiuntamente nelle immagini di Marino Festuccia, rendendo un mero invito alla lettura un’allegoria di personaggi bramosi di consumare le loro scritture.
E da buon trionfo allegorico che si rispetti non poteva mancare un’originalissima rivisitazione dell’Ultima Cena. Facendo riferimento al capolavoro che Leonardo da Vinci dipinse sul finire del XV secolo, il giovane artista stravolge concettualmente l’opera trasformando il cenacolo in una bancarella dove gli astanti, riproposti negli sguardi e nelle pose di Coloro che vi parteciparono, vivono la scelta di un libro come un momento di riflessione collettiva, dove gesti ed espressioni rispondono silenziosamente a quel … prendetene e mangiatene tutti.
Un’iconografia lontana dalla tradizione pronta a esortare chi , nel nostro Paese, è pienamente convinto che con la cultura si possa mangiare, nonostante tutto.
Abbuffatevi quindi di libri, di arte, di cinema e di musica … perché la nostra cultura non continui a girovagare tristemente tra i meandri di una Paese che sembra aver dimenticato la sua vera identità.

Testo critico Next Stop Arte

Dettagli del progetto
Nome: Abbuffatevi… di libri!
Anno di realizzazione: 2012
Committente: Comune di Altomonte
Hanno collaborato: Sergio Angeli, Francesca Perillo, Francesca Orsini, Marzia Di Marzio, Sonia Monaco, Maurizio Loi, Valerio Savaiano, Danilo Capolei, Rocco Cerchiara, Simone Vinci, Lisa Simonetti, Luca Loseto
Scatti: Marino Festuccia
Post-produzione: Marino Festuccia
Location: PassOver.lab
Concept: Marino Festuccia e Lisa Simonetti